CHI INSEGNA DEVE AMARE

A TE….

che lo hai accolto come una bestiolina selvatica, facendo di tutto per sottolineare la sua diversità
che lo hai lasciato sdraiato per terra, senza capire, senza voler capire che aveva bisogno del tuo aiuto
che lo hai scaricato ai bidelli invece di aiutarlo a socializzare con gli altri
che hai scritto cose assurde sul suo diario
che lo hai relegato nell’ultimo banco, lontano dai suoi compagni
che hai detto alla sua mamma di tenerlo a casa e di non farlo partecipare alla gita scolastica
che quando ci siamo incontrati per strada, imbarazzata hai abbassato lo sguardo

VOGLIO DIRE….

che è solo un bambino, uguale a tutti gli altri
che un giorno sarà un uomo
che forse, quando sarai anziana, sarà il medico che ti curerà, il passante che ti aiuterà ad attraversare la strada
chissà… a volte nella vita le strade si intrecciano
Tu lo avresti voluto legare, oppure allontanare….. hai sbagliato mestiere, chi insegna deve saper amare, capire e tollerare…aspettare che il seme cresca…condurre alla luce della coscienza di sè che è racchiusa in ogni essere umano.
E’ neccessario sottolineare le capacità di un individuo e non le diversità e le criticità. Dio lo ha fatto diverso!!
Se avessi avuto l’interesse di documentarti avresti scoperto che esistono molti bambini che come lui sono affetti da  
A.D.H.D.
TI spiego di cosa si tratta, cosi’ nn farai piu’ del male a nessun bambino come lui non avvilirai allo sfinimento altri genitori come hai fatto cn noi.
La SINDROME DA IPERATTIVITA’ nasce da un difeto evolutivo dei circuiti celebrali che stanno alla base dell’inibizione e dell’autocontrollo, per lui è difficile tenere la concentrazione per tanto tempo, stare fermo e seguire le regole comportamentali.
Anche se ho un Q.I. nella fascia medio-alta e sono veloce e preciso nell’eseguire i compiti scolastici, a volte non riesco a controllare i movimenti di inerzia…. TUTTO QUi  PROF.

CHI INSEGNA DEVE AMAREultima modifica: 2008-08-12T09:18:00+02:00da fri67
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento